Camogli ,

Chi è online

 32 visitatori online

Pirati!!!

CASA DEI MARINAI

Ammissione alla Casa dei Marinai

I numeri e il mare

Matematica col Prof Mortola
Know Maritime English!

Condividi su Facebook!

SOS delle navi minori PDF Stampa E-mail
AddThis Social Bookmark Button

Dal Socio CLC Antonio Bozzo, Segretario Nazionale AIATP (ASSOCIAZIONE  ITALIANA  ARMATORI  TRASPORTO  PASSEGGERI), riceviamo e pubblichiamo:

S.O.S. delle navi minori

Associati:
103: le piccole società di armamento;
234: le imbarcazioni da trasporto passeggeri con stazze variabili d a  4 a 198 t.s.l.;

34.363: i passeggeri trasportabili  da tali unità;
4.500.000 c.a.: i passeggeri trasportati in un anno;
42ml di euro c.a.: il volume d'affari
non quantificabile, ma certamente enorme l'indotto generato da tale attività.

Se consideriamo che mancano all'appello circa 1000 imbarcazioni ( come rilevato dal libro registro del R.I.Na.) e almeno 400 società che operano nel comparto, si genera un rapporto fra i dati rilevati e quelli possibili di 1:5. Credo che i commenti siano superflui.

PROBLEMATICHE CHE STANNO DECIMANDO TALE SETTORE
1)    modifica dell’art.8 bis della Legge che regola l’imposta di valore aggiunto-
dal 17 gennaio 2012  tutte le navi che svolgono una attività commerciale (con esclusione della pesca) nell’ambito del mare territoriale (fascia marina di 12 miglia dalla costa) e della navigazione interna, non possono più usufruire della non imponibilità IVA sulla loro cessione, sull’acquisto delle forniture, materiali e apparecchiature di bordo (compreso i motori di propulsione).
La norma potrebbe essere accettabile se tutti gli introiti fossero soggetti ad IVA perché tutto si ridurrebbe ad una mera partita di giro. Poiché il volume d’affari della maggior parte di tali Aziende proviene da incassi esenti IVA ( trasporto di passeggeri entro i 50 Km ), la stessa per gli effetti dell’art 19 bis comma 1 della Legge 633/72 ,non può essere recuperata se non in minima parte, rimanendo così un costo e rendendo proibitivi anche gli interventi delle normali manutenzioni;

2)    carenza di titoli professionali conseguibili dal personale marittimo di categoria ed adeguati alle caratteristiche dimensionali e di potenza delle navi sulle quali imbarcano-                                                l’entrata dell’Italia nella zona euro ed il recepimento delle direttive comunitarie più rivolte alle grandi navi ed ai loro equipaggi  che alle modeste caratteristiche di quelle imbarcazioni che impropriamente vengono definite “navi da trasporto passeggeri” ma che in realtà trasportano turisti lungo la costa, ha reso sempre più labile il confine fra queste due tipologie di trasporto fino a portarle quasi allo stesso livello.  A nulla sono valse le indicazioni della Comunità  per un trattamento più favorevole nei casi in cui la norma poteva essere non applicabile oppure troppo onerosa, per cui il rituale delle nostre Istituzioni ha sempre seguito la massima del meglio abbundare quam deficere. 
Il risultato è che ci troviamo oggi, per ottenere quei titoli professionali che ancora nel 2009 si potevano conseguire con sufficienti nozioni di marinaresca, a dover sostenere esami che rispondono a competenze ben più elevate di quelle che il nostro mestiere ci richiede e a dover dimostrare requisiti difficilmente ottenibili perché mai contemplati dall’ ordinamento marittimo nazionale in questa categoria di piccole navi. .
Le motivazioni di questo disastro che ci porterà, per restare nel tema, ad un inevitabile affondamento,  sono da ricercare non tanto nell’ignoranza intesa come non conoscenza del settore in questione, quanto nell’incapacità di valutarlo per la sua importanza nell’economia nazionale il cui ultimo baluardo sembra essere rimasto proprio il turismo.

3)    Mancanza di un regolamento specifico che disciplini le unità navali di categoria-
Il settore costituito esclusivamente da navi minori abilitate ad una navigazione non superiore a 20 miglia dalla costa, ha caratteristiche peculiari che lo differenziano sostanzialmente dalle navi maggiori abilitate alla navigazione d’altura. Le dimensioni contenute, la navigazione limitata nel tempo e nello spazio, l’assenza di alloggi sia per i passeggeri che per l’equipaggio e la possibilità di condurre la nave senza che il locale macchina sia presidiato, collocano queste unità in un ambito particolare del trasporto passeggeri tanto da richiedere un suo particolare regolamento che possa anche eliminare quell’ istituto della deroga troppo subordinato a decisioni personali.

Si auspicano pertanto i seguenti provvedimenti:

a)    Censimento delle navi minori che operano nel settore turistico marittimo e di collegamento con le isole nazionali rilevandone le caratteristiche di costruzione, di potenza e di portata nonché la tipologia di navigazione a cui sono abilitate;
b)    Censimento delle società armatoriali che le gestiscono indicando il loro volume di affari, il numero del personale dipendente a terra e imbarcato;
c)    Revisione dei titoli professionali marittimi non ancora abrogati con eventuale inserimento di altri più rispondenti alle caratteristiche di costruzione ed alla tipologia di navigazione delle navi di cui trattasi;

d)    Un corretto uso della direttiva comunitaria per quanto concerne l’ emanazione di  norme meno restrittive quando queste risultano troppo onerose o poco applicabili;

e)    Riconsiderazione del provvedimento di modifica dell’art.8 bis della 633/72 in funzione anche di una diversa possibilità di recupero dell’Iva senza che debba rimanere solo un costo per chi la versa;

f)    Individuare le Associazioni che rappresentano la categoria accreditando quella che per numero di società iscritte può esprimere il maggior consenso comune;

g)    Avviare con quest’ultima un percorso di riconsiderazione ed eventuale revisione della materia che riguarda tali navi minori ed il personale che le equipaggia.

Ritengo che nonostante la pressione fiscale e contributiva  pesi in modo preponderante sulla gestione delle singole società di armamento, i provvedimenti auspicati , che sono a costo zero , possano invertire l’andamento negativo delle società stesse contribuendo al rilancio dell’economia nazionale. 

Il Segretario Nazionale AIATP 
C.L.C. Antonio Bozzo – Membro Società Capitani Camogli (2/2013)

 

Consulenze previdenziali

Consulenze Previdenziali

 

Copyright © 2018- Società Capitani e Macchinisti Navali - Camogli
E' vietata in qualsiasi forma la riproduzione, totale o parziale dei contenuti del sito
Any reproduction, total or partial of the contents of this website, is strictly forbidden


Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy (raggiungibile anche col menu di sinistra). Per saperne di piu sui cookies di questo sito e come cancellarli, vedi la regole privacy.

Accetto i cookies da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information
escort eskisehir escort eryaman escort samsun escort bursa