Camogli ,

Chi è online

 41 visitatori online

Pirati!!!

CASA DEI MARINAI

Ammissione alla Casa dei Marinai

I numeri e il mare

Matematica col Prof Mortola
Know Maritime English!

Condividi su Facebook!

NonsoloCamogli: San Michele di Pagana PDF Stampa E-mail
AddThis Social Bookmark Button

covers

Appena lasciata la frenetica strada che collega Santa Margherita a Rapallo, si giunge in quell'oasi tutta ligure che è San Michele di Pagana. Questo "sestiere" ha una solida tradizione marinara, sia di pesca che di armamento. Abbiamo rivisitato le pagine del fondatore del Civico Museo Marinaro di Camogli, Gio Bono Ferrari, per scoprire intatte ancora una volta, a distanza di ottant'anni,  le atmosfere e le storie che hanno contribuito a formare le nostre radici marinare, incluso un suo lontano ed importante parente. Leggiamolo.

San Michele di Pagana, l'antica insenatura del Tigullio che conobbe più d'una volta e rintuzzò le zannate dei pirati di Dragutte il "Rosso" e quelle del "Corsaro Rinnegato", fu - fin da antichi tempi - patria di marinari e di esperti navigatori. Gli uomini del suo entroterra erano ottimi agricoltori, specializzati nell'olivicoltura e rinomati persino nella Fontanabuona per sapere egregiamente "pastenare" boschi e rovereti e zone pietrose ed impervie.
Ma quelli della marina, gli uomini che nacquero e vissero nel pittoresco groviglio delle case e casette poste in riva al mare, proprio nell'arco lunato del piccolo golfo, furono sempre marinai e nostromi e "patronus" di barche. Erano abilissimi pescatori di corallo sulle coste della Tripolitania e della Tunisia. Già nel 1700, in primavera, le loro barche coralline se ne partivano, benedette dal vecchio pievano, per le coste d'Africa. E non ritornavano che a novembre per essere almeno a casa alla novena dei Morti.
Gente dura e di fegato, rotta a tutte le lotte e alle vitaccie delle coste d'Africa, ove quasi sempre serpeggiava la peste nera. Uomini audaci che tenevano il mare  da aprile a novembre con dei barchi da 40 tonnellate. Sapevano usare le colubrine da murata, gli archibugi e le ascie di abbordaggio quando si trattava di difendersi da quei barbareschi che, felloni, non volevano riconoscere il "permesso" scritto che ogni barca possedeva, il "firman", che le autorità del Bey di Tunisi davano - dietro compenso di ottanta piastre - ai pescatori di Liguria per la libera ricerca del corallo. Gente arrischiata e decisa, che aveva più d'una volta - con le ascie - mozzate le mani ai pirati che tentavano di arrampicarsi sulle loro barche. E che quando ritornavano con le stive piene di un buon raccolto di corallo, pensavano subito, prima ancora che alle mogli (alle quali portavano i bianchi "zendadi" e i "pessotti" acquistati dai levantini di Malta), alla propria Chiesa, alla quale donavano la ottava parte del prodotto.

Alcune vedute di San Michele di Pagana

Fu così che la Chiesa di San Michele, di un piccolo borgo, potè già, fin dal 1700, farsi bella e arricchirsi di damaschi e di broccatelli d'oro. Perchè il tempio di questi vecchi navigatori è veramente egregio per le sue opere chiesastiche. V'è, se non andiamo errati, un bel San Pietro del Ribera ed un "Ecce Homo" della scuola del Guercino o dei suoi migliori allievi.  E poi ancora la bella e suggestiva "Natività" di Luca Giordano e l'altro squisito lavoro attribuito a Guido Reni, "l'incontro di Maria con S. Anna". Nella cappella di sinistra poi, un vero gioiello: la pala d'altare di Van Dick, dalla quale si staglia la stupenda figura d'un Cristo trattato magistralmente in scorcio. E poi ancora due piccole tavole che la tradizione dice portate dall'Olanda da due vecchi navigatori del Borgo,  Solari e padron Costa, sono due quadretti fiamminghi, un pò primitivi, ma di esimia fattura.

Quando dopo tante e tante campagne - più di cento - le "coralline" andarono in disarmo causa la caduta dei prezzi dei rossi zoofiti raggiati, altri navigatori di Pagana subentrarono a far bella la Chiesa del borgo. Perchè nello stesso non vivevano soltanto dei pescatori di spugne o di corallo, ma anche degli armatori di bastimenti da gran cabotaggio.
Di Capitani al lungo corso, di lupi di mare per le navigazioni oceaniche,  ve ne fu uno che merita veramente di essere ricordato , il Capitano Giuseppe Ferrari. Aveva fondato famiglia a San Michele, ove ancor nel 1938 vivevano le sue figliuole. Egli proveniva però da una schiatta marinara camogliese, modesta e tenace, che da più di tre secoli viveva sul mare e del mare.

covers2

Il padre del nostro lupo di mare, Cap. Nicolò Ferrari, fu uno dei più oculati armatori della campagna di Crimea,  sagace mercatante e intrepido Capitano. Con la moglie, Maria Oneto e la figliuolanza, navigò per molti anni sulle rotte del Mar Nero e dell'Azov, al comando di un bastimento che aveva fatto costruire a Recco e che figura nella prima lista degli affigliati a quella che fu la prima "Mutua Marinara", geniale creazione dei camogliesi, copiata poi da tutto il mondo.
Ritornando al Cap. Giuseppe Ferrari, colui che da anni se ne dorme all'ombra degli svettanti cipressi del piccolo e poetico Cimitero di San Michele, comandò sempre, si può dire tutta la vita, i belli e grandi bastimenti paterni. Viaggi di Rangoon e di Macassar e lunghe traversate al Pacifico, per la caricazione del  guano a Las Chinchas e alle isole del Lobo. Ebbe anche una parentesi di attività fluviale sui grandi fiumi dell'Argentina che navigò  al comando di un "pailabot". Successivamente però, la passione per le navigazioni dei mari aperti e per le sconfinate distese degli Oceani lo prese di nuovo. Si mise a risolcare i mari. Rivide ancora i mari d'Australia, Manila e Ackiab e la lontana Hong-Hong.

Alcune immagini del Cimitero di San Michele mostrano dove riposa il Capitano Giuseppe Ferrari

Poi, finalmente, fu il ritorno alla sua casa di San Michele, quella posta sul piazzale della Chiesa. Ma il riposo in terra ferma non fu lungo per il buon lupo di mare di Pagana. Perchè se ne andò quasi subito. Dal piccolo Cimitero ove riposa il suo spirito buono ode ancora - e udrà sempre - la canzone giornaliera del nostro bel mare di Liguria. E ascolterà, forse, il misterioso e sommesso richiamo di tutti quelli che in questo mare - Mare Nostrum - lasciarono la vita a compimento del proprio dovere, con il sempre silenzioso eroismo degli uomini di mare.=

Gio Bono Ferrari (scritto nel 1938)
Foto di Bruno Malatesta (10/2013)

 

Consulenze previdenziali

Consulenze Previdenziali

 

Copyright © 2017- Società Capitani e Macchinisti Navali - Camogli
E' vietata in qualsiasi forma la riproduzione, totale o parziale dei contenuti del sito
Any reproduction, total or partial of the contents of this website, is strictly forbidden


Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy (raggiungibile anche col menu di sinistra). Per saperne di piu sui cookies di questo sito e come cancellarli, vedi la regole privacy.

Accetto i cookies da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information
escort eskisehir escort eryaman escort samsun escort bursa