Camogli ,

Chi è online

 53 visitatori online

Pirati!!!

CASA DEI MARINAI

Ammissione alla Casa dei Marinai

I numeri e il mare

Matematica col Prof Mortola
Know Maritime English!

Condividi su Facebook!

Macchinista, Commendatore, Poeta PDF Stampa E-mail
AddThis Social Bookmark Button

I sûnetti « Camōggi », fan a spia
A-o sò amô pe ûnn-a razza de mainæ
Che de tempeste a nō s'attrêuva puïa.

Inzegnê  Olivari

Credo che la memoria di certi personaggi della nostra Camogli debba essere instancabilmente custodita. Uno di questi è Giacomo Razeto, Macchinista Navale, che è vissuto tra la fine dell'800 e la prima metà Novecento.

Ai primi del Secolo XX, Razeto navigò col grado di Primo Ufficiale di Macchina sui piroscafi Principe Umberto, Regina Elena e Duca di Genova (per citarne alcuni) della Società "Navigazione Generale Italiana".  Si distinse - in quel periodo - nelle operazioni di salvataggio del rimorchiatore San Benigno nel Canale di Piombino, evitando conseguenze disastrose. Come scrisse un giornale dell'epoca, "egli coltiva anche le Muse, fra le sue mille preoccupazioni professionali...". Fin qui, si direbbe tutto secondo gli usi e costumi di quel tempo.

raze3
Giacomo Razeto (1874 - 1942)

Invece, proseguendo la ricerca delle sue opere alla Biblioteca Civica "Niccolò Cuneo" di Camogli, si evince che fu anche Ufficiale dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro per la sua opera svolta a favore della Classe Marinara, poi fu Socio Onorario del Collegio dei Diplomati Nautici d'Italia ed infine, come attività post-imbarco, ispettore della Compagnia di Navigazione "Transatlantica".
Nel 1923, fu membro del Comitato di Amministrazione della Cassa Nazionale Marinara e poi Consigliere della Casa di Riposo dei Marinai di Camogli. Fu decorato con la Croce di Guerra al Valor Militare - Medaglia d'argento di Lunga Navigazione.
E ancora: Ufficiale della Corona d'Italia per la sua opera svolta a sostegno della Marina Mercantile e della Gente di Mare e della riforma della Cassa Assistenza agli Invalidi di Mare e per la costruenda Casa di Riposo per i Marinai, che sarebbe sorta a Camogli nel 1931.

sonetti3
La copertina dei "Sonetti" di Giacomo Razeto

Estratto dalla "Marina Mercantile Italiana" del 25 aprile 1907:
Uno dei dialetti più ribelli alla poesia è senza dubbio il ligure, per quel non so che di rude e di angoloso che è anche una caratteristica del popolo che lo parla, sì da darci una delle prove più luminose di quel supporto stretto che corre tra un popolo e il suo linguaggio, identico del tutto a quello che i filosofi trovano tra l'Uomo e il suo stile e che si compendia nella massima ormai celebre "lo stile è l'uomo". Razeto ha voluto - ispirato dal suo amore per Camogli - celebrare in "vernacolo" i fasti della ricca cittadina marinara, decantarne le bellezze, decantarne l'operosità in ogni ramo dell'attività civile e commemorare gli uomini preclari che in essa ebbero la culla o comunque, ebbero con essa dei rapporti".

rime1
Frontespizio delle "Rime" autografo di Giacomo Razeto.
Il volume era stato donato al Museo Marinaro il giorno
della sua inaugurazione al Teatro Sociale di Camogli
ch, a quel tempo, si chiamava "Principe di Piemonte"

Riportiamo qui di seguito alcuni dei sonetti di Razeto, quelli che riguardano un pò la marineria camogliese al giro di boa del XIX Secolo; per comprenderne il significato, oltre che il genovese, bisogna essere al corrente delle cose di Camogli e della sua storia.

A l'Ammiragliō Giōvanni Bettolō

Pè ûn muggiō dè mōtivi e specialmente
Perchè anche vûi sei cōmme i Camuggìn
Nato e cresciû in mâ e finalmente
Perchè sei de Camuggi çittadin,

Sentō ûn besognō forte e prepōtente
Dè dedicave i versi me meschìn.
Cōscì se ûn giorno vè satesse in mente,
Quande anche vûi lascieï de fa ō marin,

Dè vegnivene in mezō a ‘e nostre gente,
Doppō tantō travaggiō, a riposâ,
Vè truviescï dō paize za aō cōrrente.

Perchè, vedeï, cōn questō librettìn
In ‘të ûn mōmentō vûi puœi imparâ
A cōnōscê Camōggi e i Camōggìn.

Giacomo Razeto
Primo Macchinista – P.fo Duca di Genova

 ***

L'avvegnî de Camōggi

Nata in sce ûn ïsoettinn-a dirupâ
Camōggi, che dō resto a gh'ëa vixinn-a,
Pe’ pœìse estendê, co'ûnn-a passerínn-a,
Ä costa ûn bello giōrno a s'è attaccâ.

Primma a s'è esteiza tûtta in riva a-o mâ,
Ma doppo a l'ha dovûo montâ in collinn-a,
Formando fra e sò stradde ûn mōntechinn-a
Ch'ō rende fadigóso ō passeggiâ.

Però se s'asc-cianesse ō Castellâ,
Nō sōlo se formieìva ûnn-a cianûa
Dä Ciassa dō Teatro finn-a in mâ,

Ma de in tō Castagnôu spariâ ä dreitûa
L'ûmido che ghe porta a gran rōsâ,
Chè ō sô ō se gh'affermiâ pe’ fin ch'ō dûa.

Ma ancōn de ciù, da questa gran cianûa,
Che, pe-o sò clima dôçe, a diventiâ
Ûn scito allegro de villezzatûa,

Da-o quæ tûtta a Rivëa se dominiâ,

E a vista se godiâ de tûtta Rûa,
Scavâ in trincea, dä parte verso ō mâ,
Partiâ ûnn-a stradda, còmoda e segûa,
Che finn-a San Fertōso a l'arriviâ.

E co-i detriti che bêuttian zù in mâ,
E quarche lebecciadda ûn pö inçernûâ,
A ciazza in poco tempo a se ingrandiâ.


Coscì Camōggi a diventiâ ä dreitûa
Ûn Eden, segge a stæ che pe’ svernâ,
Ûn vëro Paradiso in miniatûa!

***

Ō Mûseo Marinaro de Camōggi
A-o Raxōnê Gio. Bono Ferrari, Fondatô dō Mûseo (1938)

Dunque Camōggi anchêu ō se pêu vantâ
D'aveì lê ascì ûn magnifico Mûseo,
Ch'ō prêuva che s'è dïto sempre ō vëo
Vantando a sò Marinn-a ammalemmâ.

A quæ a l'è sempre stæta equipaggiâ
Da ûn personale ardimentoso e fëo,
Che ûn Camòggin, da sōlo, ō fava ō'rëo
De duï foresti, sensa esagerâ.

Descrìvive ō Mûseo? Ma ō dî pe rïe,
Che a vœìlo fâ, nō me bastieìva ûn giōrnol
Ve’ baste dî che e mûage sōn gremïe

De quaddri de velieri e tûtt'intōrno
Modelli gh'è de barchi, gh'è istrumentì,
E de Marinn-a ûn mûggio de ingredíenti!

De questi, a dïve ō vëo, ghe n'è mai tanti,
Che manco ve-i savieìvo nominâ;
Gh'è di astrólabï antighi e gh'è sestanti
Di ciù moderni che se pêu attrovâ.

Gh'è bûsciœ d'ogni tipo, gh'è quadranti,
Gh'è carte e gh'è scandaggi pe’ sōndâ,
Gh'è cannōcciali... ma se vaddo avanti,
Ve _tëgno chì daveì pe’ ûnn-a giórnâ.

E quande ve l'avesse ben descrîto,
Dovieìsci sempre andâlo a vixitâ;
Perché questo Mûséo, ve 1'hò za dïto,

Ciù d'ogni cosa ō vêu documentâ,
Che a-o mōndo nō existeìva ûnn-a Marinn-a
Ch'a sûperesse quella Camōgginn-a!

***
A Casa de Riposo de Camōggi   pe’ i veterani dō mâ

Primma che a Casa a föse costruïa,
Pochi credeìvan ch'a se poeìse fâ,
E quande doppo tanto a l'è finïa,
Nō gh'ëa dinæ pe’ fâla funzionâ.

E allōa ve lascio dî se l'han scöxïa!
Ma quande all'Istitûto a l'è passâ
E in poco tempo de mainæ a s'è impïa
Se sōn dovûi ricredde... e l'han lödâ.

Che lì, cōmme ûnn-a nave a çerca ō porto,
Vëgi che s'èan frûstæ in sce l’ægua sâ,
Gh'entràvan pe’ çercâ ûn pó de conforto.

Pe’ questo se dovemmo ricordâ,
Sebben da tanto tempo ō segge morto,
Dō grande camōggin che l'ha ideâ!

E za che se trovemmo in argomento
Dæto che anchêu ciù d'ûn se va a vantâ
D'aveìla da lê sōlo fabbricâ,
Ghe domandiô: Da chi e con che intervento

Avemmo avûo i -dinæ pe’ fala fâ?
E chi in Conseggio ha avûo tanto ardimento
Da ìmponn-e e fâ vötâ ō trasferimento
All'Istituto ch'ō se l'è accollâ?

E chi a fæto levâ quello mûagion
Davanti a-e scae, ch'ō riciamava ä mente
L'entrata antiga de ûn munio bastion?

E chi ha fæto acquistâ recentemente
A Villa che co-a Casa a-confinava?
Ve seì scordæ, n'è vëo? Me l'aspetäva!.=

Bruno Malatesta - 3/2014
(i volumi dei sonetti di Giacomo Razeto sono consultabili alla Civica Biblioteca "Niccolò Cuneo" di Camogli)

 

Consulenze previdenziali

Consulenze Previdenziali

 

Copyright © 2017- Società Capitani e Macchinisti Navali - Camogli
E' vietata in qualsiasi forma la riproduzione, totale o parziale dei contenuti del sito
Any reproduction, total or partial of the contents of this website, is strictly forbidden


Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy (raggiungibile anche col menu di sinistra). Per saperne di piu sui cookies di questo sito e come cancellarli, vedi la regole privacy.

Accetto i cookies da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information
escort eskisehir escort eryaman escort samsun escort bursa