Camogli ,

Chi è online

 38 visitatori online

Pirati!!!

CASA DEI MARINAI

Ammissione alla Casa dei Marinai

I numeri e il mare

Matematica col Prof Mortola
Know Maritime English!

Condividi su Facebook!

Tempeste e diplomazia (sea edutainment 2) PDF Stampa E-mail
AddThis Social Bookmark Button

storm3a
La nave da crociera procedeva a stento attraverso le acque tempestose dell’Atlantico. Quell’inverno era stato particolarmente crudele con i marinai: cinque enormi “lisci e bussi” che, uno dopo l’altro, avevano massacrato le acque dalle Bermuda fino alle Azzorre.

Per le navi che andavano verso l’America era un bel problema evitarle. La quinta tempesta purtroppo ci investì. Il Comandante Bombrino era costantemente sul ponte di comando, aveva persino sistemato una sdraio da piscina nei pressi del radar e lì dormiva per dieci minuti quando non ne poteva più. L’Ufficiale di Guardia controllava la navigazione ed eventuali bersagli di prora, preoccupandosi ogni tanto che il marinaio libero dal timone preparasse un buon caffè per tutti.
Lavoravo in plancia dalle 8 alle 12 e dalle 20 alle 24, nella cosiddetta “seconda guardia”. Ci eravamo lasciata a Nord Est l’isola di Santa Maria nelle Azzorre, quando con rotta occidentale puntavamo a stento verso New York. Il maltempo proveniva proprio da dove dirigevamo e le gonfie onde atlantiche ci costringevano a ridurre la velocità anche fino a 3 nodi (circa 5 km/h). In quella situazione saremmo arrivati a destinazione con eccessivo ritardo; i passeggeri erano già furibondi: avrebbero perso tutte le escursioni ed i voli già organizzati. Anche il Capitano era furioso.

“Tempi da cani fottono i Capitani!”  - sentenziò con rabbia - mentre scagliava il suo berretto sul “pavimento” del ponte. Mi sembrava una gestualità calcolata, quasi teatrale, ma era meglio non fiatare in quelle situazioni.
“Vede” – disse con calma e riflessione – “Lei ora è giovane, ma quando diventerà Comandante, si renderà conto che la meteorologia nella nostra professione è una brutta bestia!”.
Proseguì: “Quando ha a che fare col cattivo tempo non va mai bene! Se salti un porto perché non è sicuro entrarci, chi glielo chiarisce agli ospiti come mai una nave è invece andata all’ormeggio qualche ora prima? E poi, se si eccede in prudenza, sistematicamente le previsioni non si avverano e se invece si osa, ecco in arrivo la fregatura! E senza parlare del mare lungo che può rendere impraticabile un ancoraggio in una splendida giornata di sole!”.

storm1

Osservavo quell’esasperato beccheggio e i conseguenti colpi di mare sotto la chiglia che facevano vibrare tutto lo scafo. Davanti, l’orizzonte che di solito è a 10 miglia (circa 18 chilometri) s’era avvicinato – indefinibile -  a forse 500 metri. Pareva un inferno ed erano solo le 10 del mattino!
“Comandante!” – commentai, giusto per “rendermi utile” – “Non si possono controllare gli elementi naturali…”.

“Già…” – m’interruppe – “ma almeno si deve prevederli e gestirli nel miglior modo! Vede? Pur cambiando rotta picchiamo lo stesso! E chi glielo spiega adesso ai passeggeri che ci troviamo qui, impantanati in questo macello?”.
“Quei maledetti bollettini meteo prevedevano la perturbazione in acque più a Nord, non a questa latitudine!” – ripetè due volte, quasi spossato  – “Solo che ora mi tocca andare giù nella Sala Spettacoli e spiegare cosa succede!”.

“Lei sa bene cosa potrà dire in queste situazioni!” – replicai con enfasi – “Il maltempo è un fatto naturale avverso, noi ci siamo trovati lì e stiamo facendo del nostro meglio per fronteggiare la situazione!”.

“Sì, sì, lo so!” – rispose – “Ma intanto lei sa che non andrà mai bene! Anche se informo gli ospiti della situazione, ci saranno comunque tanti che sono scontenti perché sono comunque penalizzati da questa tempesta... con qualcuno devono ben prendersela!”.
“Pensi per un momento che lo stesso possa succedere sulla costa!” – proseguì – “Sarebbe come se certi cittadini infuriati per i danni causati dalle condimeteo avverse partecipassero ad una riunione con i responsabili delle emergenze e il locale dove ha luogo l’incontro sia in costante movimento! Sarebbe una situazione insostenibile!”.

Era mezzogiorno, terminavo il mio turno sul ponte. Mi recai nella Sala Spettacoli per assistere al discorso del Comandante Bombrino ai passeggeri che erano in collera per il ritardo del viaggio, ma anche per il fastidioso movimento di beccheggio che a volte si trasformava in un rollio irritante ed il tutto era accompagnato dagli impetuosi e sfibranti colpi delle onde alla nave.
“Ladies and Gentlemen!” - e qui traduco il discorso del Comandante Bombrini -  “Siamo dispiaciuti per questo inconveniente imprevisto!”.
Qualcuno gridò: “Lo sapevi invece, Pinocchio, Internet c’è anche a bordo!”.

storm2

Mi sentivo a disagio per il Comandante, sapevo però che doveva mantenere il controllo, che era pur sempre lui il Capo Spedizione.
“Vi anticipo fin d’ora che il tempo migliorerà!” – continuò con fermezza – “E domani riprenderemo la nostra navigazione atlantica diretti a New York come programmato! Anzi, da adesso, i bar sono aperti e… consumazioni gratis per tutti!”.
Ci fu finalmente un tripudio di consensi verso il Capitano che brindò sul palcoscenico e, per poco, la caduta di una beccheggiata improvvisa non gli fece perdere il calice, ma ormai – per quel pomeriggio almeno – quasi tutti gli ospiti erano dalla sua parte.

Alla sera, salii sul ponte alle 20 per il mio turno serale di guardia. Notai che la rotta era stata alterata decisamente verso Sud. Il Comandante Bombrino era sempre lì che osservava silenzioso il nulla con lo sguardo perso al vicino e buio orizzonte: mi sono sempre chiesto cosa pensano i Comandanti quando scrutano il mare in quella maniera. M’era parso di avvertire una diminuzione delle sollecitazioni allo scafo, anzi, sembrava che pure le onde “rompessero” decisamente meno.

“Ha visto?” – esordì con autorevolezza il Capitano – “Il Comandante vive da solo l’ambiente della sua nave, ne sa decifrare i codici ad altri sconosciuti, quando dorme ne sente i sussurri e poi decide cosa fare!”.

“Comandante, ho notato che il tempo sta calando!” – manifestai  con sincero interesse.

“Sì, sta diminuendo e i passeggeri l’hanno già avvertito!” – commentò pacatamente – “Ho ricevuto un messaggio dalla Japan Empress che viaggia più a Sud diretta a Boston:  mi ha avvisato che lì il tempo è buono, per questo stiamo dirigendo a quella latitudine e poi continueremo ad Ovest verso New York!”.

Sembrava più rilassato il Comandante, forse perché aveva un occhio sul solcometro che marcava già 8 nodi (circa 15 km/h): stavamo recuperando velocemente e le botte allo scafo erano praticamente insignificanti: saremmo arrivati a New York sicuramente in orario.

Mi è rimasto impresso quell’episodio perché da allora ho compreso che i marinai sono tali proprio a causa della meteorologia, altrimenti basterebbero dei semplici “conduttori”. L’eterna sfida che la natura rinnova ai naviganti ricorda loro come sia doveroso il rispetto per il mare e soprattutto il modo per gestire il maltempo.
Ciao Comandante Bombrino, ti ricordo sempre quando una folata di vento fa muovere gli ulivi dei miei dintorni e rifletto sugli allarmi diramati durante le criticità meteorologiche dei miei tempi, ma soprattutto su tutte le polemiche che ne derivano successivamente, facendomi ritornare - pensieroso - ai “tempi” atlantici.=


Bruno Malatesta (11/2014)

 

Consulenze previdenziali

Consulenze Previdenziali

 

Copyright © 2017- Società Capitani e Macchinisti Navali - Camogli
E' vietata in qualsiasi forma la riproduzione, totale o parziale dei contenuti del sito
Any reproduction, total or partial of the contents of this website, is strictly forbidden


Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy (raggiungibile anche col menu di sinistra). Per saperne di piu sui cookies di questo sito e come cancellarli, vedi la regole privacy.

Accetto i cookies da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information
escort eskisehir escort eryaman escort samsun escort bursa