Camogli ,

Chi è online

 48 visitatori online

Pirati!!!

CASA DEI MARINAI

Ammissione alla Casa dei Marinai

I numeri e il mare

Matematica col Prof Mortola
Know Maritime English!

Condividi su Facebook!

25 gennaio 2017, i 100 anni del Laurentic, il precursore del Titanic PDF Stampa E-mail
AddThis Social Bookmark Button

laurentic2

Il 10 settembre 1908, il cantiere Harland & Wolf di Belfast varò la prima di due nuove navi identiche, ordinate dalla Dominion Lines Shipping Company che avrebbero dovuto essere chiamate Alberta ed Albany. La compagnia White Star Line acquisì però la Dominion diventando proprietaria delle navi in costruzione e ne cambiò i nomi seguendo la propria tradizione: nomi che finissero sempre con la lettera “C”. Furono quindi chiamate SS Laurentic e SS Megantic.

La SS Laurentic di 14.892 tonnellate era lunga 172 metri e larga 20,5 metri. A differenza della sorella SS Megantic (identico scafo e 2 eliche) era dotata invece di 3 eliche: due connesse ai motori 4 cilindri a tripla espansione, mentre la terza elica centrale era connessa ad una turbina a vapore. Ciò consentiva più efficienza ed economia con un risparmio del 14% rispetto alla nave gemella. Questa soluzione tecnica innovativa sarà poi adottata per Olympic, Titanic e Britannic. La velocità massima era di 17 nodi, all’epoca superiore a qualsiasi sottomarino. Poteva trasportare 230 persone in 1a Classe, 430 in 2a Classe e 1.000 in 3a Classe. Il viaggio inaugurale avvenne il 29 aprile 1909 per la rotta Liverpool – Quebec e Montreal, rimanendo in servizio per parecchi anni.Nella traversata atlantica del 22 gennaio 1910, fu colpita da una forte tempesta che ruppe i vetri del ponte superiore ed allagò il ponte di comando, rovinando i telegrafi di macchina, ma raggiunse comunque il porto di destinazione di New York. Guadagnò notorietà nel 1910 per aver permesso la cattura dell’assassino Harvey Crippen: dopo aver ucciso la moglie, si era imbarcato con l’amante sulla SS Montrose con lo scopo di andare in Canada, passare negli Stati Uniti ed iniziare una nuova vita. L’ispettore Walter Dew di Scotland Yard, avvisato via radio dal sospettoso comandante Kendall della vecchia SS Montrose, si imbarcò sul SS Laurentic arrivando in Canada due giorni prima, per arrestarlo appena sbarcato. Fu il primo caso di uso della radio Marconi nelle investigazioni poliziesche.

Nel suo regolare servizio atlantico, il 21 aprile 1912 passò nell’area dove il Titanic era affondato alcuni giorni prima. Il Comandante John Mathias affermò di aver sorvegliato con attenzione la zona dei Grandi Banchi, senza vedere ne relitti ne corpi. Con la Prima Guerra mondiale, l’Ammiragliato requisì la nave per trasporto merci e prigionieri tedeschi dall’Inghilterra all’Africa. Divenne quindi His Majesty Ship – HMS Laurentic. Al suo ritorno a Liverpool alla fine del 1914 fu equipaggiata con 6 cannoni sul ponte, diventando un Armed Merchant Cruiser (AMC). Nel 1915 fu mandato a Singapore, Rangoon ed Hong Kong per circa 18 mesi. Alla fine del 1916 fece un viaggio ad Halifax e fu usata per pattugliamenti sino alle Bermuda. Rientrò a Liverpool facendo parte di un convoglio di 32 navi che trasportarono 35.000 volontari e riservisti della Marina Canadese. Durante il viaggio il comandante Mathias fu colpito alla testa da un grosso tubo di ferro, mentre tentava di spegnere un incendio nei carbonili e morì per le fratture alla testa due giorni prima di raggiungere Liverpool. Il HMS Laurentic lasciò Liverpool il 23 gennaio 1917, sotto il comando di Reginal Norton con 479 ufficiali e marinai della marina britannica. Trasportava anche un carico segreto di 43 tonnellate di lingotti d’oro, stivati nel bagagliaio di seconda classe, da Liverpool ad Halifax (Nova Scotia) e Stati Uniti per pagamenti sulle munizioni. Questi 3.211 lingotti d’oro valevano all’epoca 5 milioni di sterline (equivalenti a 390 milioni di sterline nel 2016). Il 25 gennaio 1917 fece uno scalo imprevisto alla base militare di Buncrana (Irlanda) per sbarcare quattro passeggeri con i sintomi della febbre gialla. Alcuni passeggeri riuscirono a scendere per pranzare in un ristorante della città.

laurentic3
La posizione dell'affondamento dell'HMS Laurentic (Irlanda del Nord)

La nave levò le ancore verso le 17 muovendosi verso Fanad Head, ove avrebbe dovuto incontrare una corvetta come scorta. La temperatura era rigida e la neve limitava la visibilità. Il comandante, non riuscendo ad individuare la scorta, decise di procedere da solo, anche se sapeva che erano stati avvistati sommergibili nell’area. Un ora dopo la partenza da Bucrana la nave scontrò una mina delle 6 rilasciate dal sommergibile tedesco U80 nell’area di Lough Swilly. Quasi subito esplose una seconda mina all’altezza della sala macchine e dei generatori elettrici, uccidendo le persone addetti alle macchine e molti dei passeggeri. La nave si inclino’ di 20°. Rimasta subito senza energia, non poterono essere messe in funzione le pompe e fu impossibile inviare il segnale di soccorso. La combinazione di oscurità ed inclinazione rese molto difficoltoso calare le scialuppe, come ordinato dal comandante. Il Comandante ed uno degli ufficiali scesero nei ponti inferiori semi allagati per verificare che non vi fossero ancora persone da salvare e riuscirono anche a chiudere 2 porte stagne. Appena ritornati sul ponte fecero in tempo a salire sull’ultima scialuppa. In meno di un ora la nave affondò a circa 40 metri di profondità. I naufraghi sulle scialuppe si trovarono sotto la neve ad una temperatura di -13° C. Molti di loro erano gravemente feriti. Remarono verso il faro Fanad Lighthouse. Due scialuppe furono raccolte da pescherecci, mentre altri proseguirono verso la costa. La mattina seguente molti furono trovati morti dal freddo con le mani aggrappate ai remi. Molti corpi erano rimasti intrappolati nella nave e per alcune settimane vennero raccolti nel mare o vennero trovati sulla costa. Delle 475 persone a bordo, 354 morirono nel disastro e solo 121 sopravvissero. Il 31 gennaio 1917 si svolsero i funerali di 71 corpi recuperati. Il giorno successivo furono sepolti altri due corpi. I sommozzatori della Royal Navy entrarono quasi subito in opera per recuperare l’oro, agli ordini del Comandante Guybon Damant, esperto sommozzatore che al tempo era arrivato a 61 metri. Vennero scelti i migliori sommozzatori, tra cui l’Ufficiale Augustus Dent che era nell’equipaggio del HMS Laurentic come addetto ai cannoni e sommozzatore, noto anche per la sua abilità, durante operazioni segrete, di entrare dentro i relitti di sommergibili affondati.


La prima difficoltà incontrata nel 1917 fu la localizzazione del relitto e le avversità marine della zona atlantica. Fu necessario usare dell’esplosivo per aprire una porta stagna chiusa ed accedere al locale con lecasse dell’oro. Si dovette più volte sospendere le operazioni a causa delle tempeste e del forte vento. L’anno successivo si scoprì che il relitto era stato rotto in pezzi dalla forza del mare. Si pensò quindi di usaredell’esplosivo per rompere lo scafo e facilitare il recupero delle casse d’oro. I risultati dei 7 anni del lavorodi recupero, dal 1917 al 1924 furono:

laurentic5

Nel 1924 fu deciso che il costo del recupero, dopo più di 5.000 immersioni effettuate senza nessun incidente, era elevato e si fermò l’operazione. Molti palombari ricevettero premi in denaro, promozioni emedaglie per il servizio prestato. Nelle immersioni fatte venne recuperata la campana della nave, donata aduna chiesa di Bucrana. Nel 1934 furono recuperati altri 5 lingotti dalla Mallet Salvage Company. Altri tentativi furono fatti neglianni 1950 e 1980 senza successo perché i lingotti rimasti sono adesso sotto i rottami metallici sparsi del relitto.

Nel 2012 si accertò che mancavano ancora 20 lingotti, valore 10 milioni di sterline, difficili da localizzare. Nel 2007 venne recuperato uno dei cannoni montati a bordo, oggi visibile sul molo di Dowings. Il relitto giace a pezzi tra una profondità da 40 a 19 metri. Le caldaie si trovano a 30 metri. Nel 1969 i diritti di recupero passarono dal Ministero della Difesa alla famiglia di subacquei Cossum.

laurentic4
Il relitto del Laurentic

 Dal 25 gennaio 2017, con il compimento dei 100 anni dall’affondamento i resti del HMS Laurentic saranno salvaguardati dall’UNESCO e considerati un cimitero della 1a Guerra Mondiale.

Flavio Testi - 23 gennaio 2017 (immagini fornite dall'autore)

 

 

Consulenze previdenziali

Consulenze Previdenziali

 

Copyright © 2017- Società Capitani e Macchinisti Navali - Camogli
E' vietata in qualsiasi forma la riproduzione, totale o parziale dei contenuti del sito
Any reproduction, total or partial of the contents of this website, is strictly forbidden


Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy (raggiungibile anche col menu di sinistra). Per saperne di piu sui cookies di questo sito e come cancellarli, vedi la regole privacy.

Accetto i cookies da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information
escort eskisehir escort eryaman escort samsun escort bursa